Barbatrucco.com

La tua guida per risolvere i problemi, con un barbatrucco!

Archive for the ‘Cucina’ Category

Patatine fritte nel forno microonde

Posted by Giancarlo Spadini on giugno 19, 2016

4-minute-potato-chips-2Cosa occorre:

  • patate
  • olio
  • sale
  • piatto da microonde
  • affetta verdure

Lavate le patate, potete usarle anche con la buccia.

Affettatale con lo spessore che preferite.

Versate e quindi spalmate un po’ di olio sul fondo del piatto che ospiterà le fettine di patata.

Adagiate le patatine possibilmente senza sovrapporle e cospargetele di sale.

Mettete il piatto nel microonde per circa 3 minuti.

I 3 minuti dipendono in realtà dalla potenza del vostro forno e dalla croccantezza che volete ottenere.

Posted in Cucina | Leave a Comment »

Come aprire una bottiglia di vino con tappo di sughero senza cavatappi

Posted by Giancarlo Spadini on dicembre 20, 2014

Posted in Cucina | Leave a Comment »

Come realizzare un fornetto da campeggio

Posted by lanchele on settembre 15, 2013

Dubito che un appassionato campeggiatore parta per le vacanze lasciando in garage il fornello a gas, ma tutto può accadere. In tal caso la soluzione più semplice è quella di recarsi in un negozio specializzato e comperarne uno nuovo di zecca, maledicendo la terribile dimenticanza.

Questo è un piccolo tutorial su come realizzare, in maniera semplice, con materiali reperibili e senza spendere un quattrino, un fornello di fortuna. Di certo non sarà adatto per l’intera vacanza, i vicini di tenda ci guarderebbero con giustificata ilarità.
Vediamo come procedere. Prima di tutto dobbiamo chiarire che è più corretto usare il termine bruciatore di fortuna, che in certi casi può tornare utile. La semplicità dei materiali utilizzati implica l’uso di un principio fisico che si chiama gassificazione, niente altro che una combustione a 2 stadi in grado di aumentare l’efficienza. E’ un sistema antico, che si perde nella notte dei tempi, ma ancora utilizzato da molte tribù in diversi paesi.
E’ necessario procurarsi due barattoli di alluminio di dimensioni diverse, per intenderci andrebbero bene i contenitori per i pelati. Nel più piccolo si devono praticare una serie di fori a circa 1-2 centimetri dal bordo superiore e una seconda serie sul fondo. Invece nel contenitore più grande andrà praticato un foro tale da permettere di inserire il barattolo più piccolo, senza che quest’ultimo tocchi il fondo.
Il fornello da campeggio è pronto, basta adagiarlo su due sassi, in modo da consentire all’aria di penetrare dalla parte inferiore. Poi si può procedere all’accensione riempendo il fornello con pezzi di rametti secchi, che una volta spruzzati con qualche goccia di alcol o di altro combustibile, ed acceso produrrà una fiamma vivace per quasi 10 minuti. Ovviamente la durata della combustione dipenderà dalle dimensioni dei barattoli, più grandi saranno, più combustibile potranno contenere e maggiore sarà la durata ed il potere scaldante della fiamma.

Posted in Cucina | Leave a Comment »

Come aprire e “mungere” un cocco

Posted by Giancarlo Spadini on maggio 4, 2012

1) Occhio!
Individuate i tre occhi più teneri.
Foratene uno utilizzando un lungo chiodo o un cacciavite.
2) Forza.
Se gli occhi fossero troppo duri (segno che il cocco è stato raccolto da tempo), aiutatevi con un martello.
3) Goccia
Lasciate sgocciolare il cocco ponendolo su un bicchiere per farne uscire il latte contenuto al suo interno.
4) Cucina
In un cocco medio si trovano 200/250 ml di latte: è ottimo da bere o per preparare il pollo al curry.
5) Coperta
Avvolgete il cocco svuotato in un robusto canovaccio da cucina.
Meglio se di cotone.
6) Colpi
Martellate il cocco avvolto nel panno.
Meglio tanti piccoli colpi piuttosto che un colpo secco.
7) Guscio
Aperto il canovaccio, il cocco fatto a pezzi si stacca facilmente dal guscio legnoso.
8) Buccia
Volendo con un coltello, meglio se di ceramica, si separa la sottile buccia marrone dalla polpa bianca.

Posted in Cucina | Leave a Comment »

Raffreddare le bibite in ghiaccio più rapidamente

Posted by Giancarlo Spadini on aprile 29, 2012

Arriva l’estate e ritorna il desiderio d gustare bibite fresche.

Un modo semplice per raffreddare le bibite fuori dal frigo è metterle in un recipiente con del ghiaccio.

Ma affinché il ghiaccio trasferisca il freddo alla bottiglia occorre un po’ di tempo. Questo tempo può essere accorciato utilizzando semplicemente del sale.
È per questo che, d’inverno, si sparge sale sulle strade.
Questo processo assorbe calore dall’ambiente circostante. Per creare il ghiaccio infatti, anche partendo da acqua a zero gradi, bisogna prelevare dall’acqua una quantità relativamente elevata di calore: questa energia termica “negativa”, immagazzinata nel ghiaccio, è rilasciata con la fusione e può essere sfruttata in questo caso per sottrarre rapidamente calore alla bottiglia.
Prendete le bottiglie, mettetele nel contenitore pieno di ghiaccio e versate del sale sul ghiaccio. In questo modo la bottiglia si raffredderà più rapidamente.
Infatti il sale agevola la fusione del ghiaccio, perché l’acqua salata solidifica a una temperatura inferiore a zero gradi.

Posted in Cucina, Life | Leave a Comment »

Cibi più freschi al supermercato

Posted by Giancarlo Spadini on febbraio 2, 2011

Questo barbatrucco non è certo una novità. Ormai chi non sa che è prassi nei supermercati mettere davanti le confezioni dei cibi con scadenza più prossima e relegare al fondo dello scaffale quelli più freschi?

Questo viene fatto con costanza dagli addetti dei supermercati affinchè i prodotti con scadenza più vicina non rimangono sullo scaffale invenduti.
Questa prassi in realtà ha delle ricadute vantaggiose anche per i consumatori: in questo modo il negoziante riduce gli sprechi e riesce pertanto a offrire la sua merce a prezzi più convenienti.
Read the rest of this entry »

Posted in Cucina | Leave a Comment »